Le tre vie per garantire un’effettiva equità generazionale

La pandemia, oltre alle tante persone che sono rimaste contagiate e a coloro che hanno perso la vita, ha colpito duro anche sul lavoro: quasi 450.000 persone occupate in meno. E ha colpito in modo selettivo. A farne le spese sono stati i giovani, il 30% dei quali sono inoccupati; coloro che avevano un contratto di lavoro a tempo determinato, lavoratori autonomi e le donne.

leggi il mio articolo su «Interris» del 1 agosto 2021

Luigi BobbaLe tre vie per garantire un’effettiva equità generazionale
Leggi...

“Le disuguaglianze nella fornitura delle dosi aiutano il Covid”. Sos delle istituzioni mondiali

Appello Fmi-Oms-Banca Mondiale-Wto: «Accelerare sui vaccini e donarli subito ai paesi più poveri, tramite Covax». L’impegno italiano per immunizzare Africa e Africa dove solo una persona su dieci sarà vaccinata entro il 2021

ROMA. «Siamo qui insieme perché c’è l’urgenza di accelerare un’azione coordinata per combattere la pandemia in aree del mondo rimaste indietro a causa di una distribuzione irregolare di vaccini fra i paesi ricchi e quelli più poveri», spiega il direttore generale del Fondo monetario internazionale (Fmi), Kristalina Georgieva.

leggi l’articolo di Giacomo Galeazzi su La Stampa del 2 giugno 2021

Luigi Bobba“Le disuguaglianze nella fornitura delle dosi aiutano il Covid”. Sos delle istituzioni mondiali
Leggi...

Cambia il 5 per mille: diventa più veloce e anche un po’ più ricco

5 per mille, le novità nella dichiarazione dei redditi

Cambia e migliora il 5 per mille, ovvero la facoltà che il contribuente italiano ha di destinare una quota delle proprie tasse (il 5 per mille, appunto) a opere di particolare rilievo sociale: dalla ricerca sanitaria ai comuni, dalle organizzazioni umanitarie a quelle per la tutela ambientale e paesaggistica.
Le novità introdotte riguardano l’ampliamento della platea dei soggetti ammessi al contributo, l’innalzamento della soglia minima erogabile a ciascun ente, l’obbligatorietà della rendicontazione delle attività realizzate, la riduzione a un anno dei tempi di assegnazione delle risorse, tutte introdotte dal Dpcm del 23 luglio 2020 in materia di 5 per mille, interventi che vanno incontro alle richieste espresse da tempo dal mondo del Terzo Settore.

 

leggi il servizio su Corriere Econiomia del 13 giugno 2021

Luigi BobbaCambia il 5 per mille: diventa più veloce e anche un po’ più ricco
Leggi...

Gli effetti del Servizio civile sull’occupabilità dei giovani. Una stima tramite Statistical Matching

Partendo dai dati campionari relativi a due popolazioni di volontari del Servizio civile, intervistate ‘ex-ante’ ed ‘ex-post’ rispetto all’esperienza di servizio, il contributo propone una stima degli effetti del Servizio civile rispetto alla dimensione dell’occupabilità (outcome variable) dei giovani coinvolti dal programma, tramite analisi controfattuale basata sulla tecnica dell’abbinamento statistico (statistical matching). Si presentano preliminarmente la policy e le dimensioni del ‘fenomeno’, si delineano i profili di giovani che il Servizio civile intercetta nella sua forma ordinaria in termini socio- anagrafici, si propongono i risultati in termini di employment, infine, si presenta una stima degli effetti del Servizio civile sulla dimensione dell’occupabilità misurata tramite OKI- Inapp, un indice composito multidimensionale probabilistico elaborato da Inapp.
Luigi BobbaGli effetti del Servizio civile sull’occupabilità dei giovani. Una stima tramite Statistical Matching
Leggi...

Terzo settore, in arrivo altri 100 milioni di euro per emergenza Covid e attività di interesse generale

Con il decreto Sostegni (articolo 14 del Dl 41/2021) arrivano ulteriori 100 milioni a favore del terzo settore per interventi e misure per far fronte all’emergenza. Una novità importante per sostenere i tantissimi enti che in questa fase stanno affrontando la crisi economica dovuta al blocco delle attività determinato dai decreti sull’emergenza sanitaria.

leggi l’articolo di Anna Paolillo e Gabriele Sepio su Norme & Tributi de Il Sole 24 Ore del 30 marzo 2021

Luigi BobbaTerzo settore, in arrivo altri 100 milioni di euro per emergenza Covid e attività di interesse generale
Leggi...

FORMAZIONE PROFESSIONALE. CANALIS (PD): “RITARDI SULL’ACQUISTO DEI DEVICES INFORMATICI”

FORMAZIONE PROFESSIONALE. CANALIS (PD): “RITARDI SULL’ACQUISTO DEI DEVICES INFORMATICI. SIAMO ALLA TERZA ONDATA E 6.000 STUDENTI PIEMONTESI DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE SEGUONO ANCORA LA DAD SUL CELLULARE”
Monica Canalis (Pd): “Piemonte fanalino di coda. Veneto, Emilia-Romagna e Toscana già nella prima ondata avevano fornito tablet e pc agli studenti svantaggiati. Così si rischia un boom della dispersione scolastica”.
«Il 10 dicembre scorso la Giunta Cirio aveva bocciato un mio Ordine del Giorno, che chiedeva di acquistare i devices per la Didattica a Distanza dei centri di formazione professionale, ed oggi, che in Piemonte questi studenti tornano in Dad, i devices non sono ancora arrivati.
Da molti mesi l’assessore regionale Elena Chiorino promette l’uscita di un bando da 6 milioni di euro, a parziale ristoro delle spese straordinarie sostenute dalle Agenzie di formazione professionale, in cui rientrerebbero le attrezzature per la Dad e quindi l’acquisto dei devices, ma il rischio è che questi soldi arrivino a pandemia finita e che, intanto, cresca il numero di ragazzi che abbandonano gli studi per l’impossibilità di seguire agevolmente le lezioni sullo schermo di uno smartphone.
La formazione professionale è competenza esclusiva delle Regioni e, infatti, moltissime Regioni hanno già acquistato i devices. L’omologa veneta dell’assessore Chiorino, Elena  Donazzan, lo aveva fatto già durante la prima ondata della pandemia.
In Piemonte circa 17.000 studenti frequentano ogni anno i percorsi di qualifica in obbligo di istruzione. Numeri grandi, che tuttavia non sembrano ottenere la necessaria attenzione da questa Giunta se si consente che circa 6.000 di questi non abbiano ancora un device.
Il modello piemontese della formazione professionale è un’eccellenza di livello nazionale che ha ridotto la dispersione scolastica, migliorato l’orientamento e garantito al Piemonte di essere in cima alla lista delle Regioni italiane per utilizzo del Fondo Sociale Europeo.
Per essere all’altezza di questo modello, serve più puntualità nella presentazione dei bandi, meno promesse e più concretezza (i termoscanner non sono mai arrivati…).
Questa volta non si può addebitare il ritardo al Governo nazionale. La Giunta Cirio prenda esempio dalle altre Regioni e ponga rimedio al più presto alla grave mancanza di devices, che si abbatte sulle nuove generazioni e sulla fascia più svantaggiata della popolazione».
Monica CANALIS, vice segretaria Pd Piemonte e consigliera regionale
Luigi BobbaFORMAZIONE PROFESSIONALE. CANALIS (PD): “RITARDI SULL’ACQUISTO DEI DEVICES INFORMATICI”
Leggi...

Vaccini e solidarietà. Il contributo del volontariato alla ripresa post-Covid

“Esperienze scientifiche e sociali in tutto il mondo dimostrano la necessità di muoversi nella direzione di un multilateralismo dei vaccini”: testimonianza a Interris.it sul valore sociale della condivisione in pandemia

“Il Terzo settore è stato il vero antidoto contro la disgregazione sociale dei nostri territori. La crisi oggi sta mettendo a dura prova migliaia di organizzazioni in tutto il Paese. Come anche evidenziato di recente da uno studio di Fondazione Cariplo e Istat. Sugli effetti della pandemia sulla sostenibilità degli enti di terzo settore”, spiega a Interris.it Luigi Bobba, esperto di Terzo settore, Presidente del “Comitato Global inclusione”, dell’osservatorio giuridico Terzjus e dell’ente per l’istruzione professionale Enaip.

Luigi BobbaVaccini e solidarietà. Il contributo del volontariato alla ripresa post-Covid
Leggi...

La riforma del Terzo settore e la tradizione sociale della Chiesa. Intervista a Bobba (Terzjus)

Volontariato in evoluzione e dottrina sociale della Chiesa: intervista di Interris.it a Luigi Bobba, presidente di Terzjus, l’Osservatorio di diritto del Terzo Settore, della filantropia e dell’impresa sociale

La lezione solidale della carità cristiana e l’apporto del Terzo Settore all’uscita dalla crisi Covid. Interris.it ha intervistato Luigi Bobba, tra i più autorevoli esponenti del cattolicesimo sociale italiano. Da sempre in prima linea nel volontariato, Bobba presiede Terzjus, osservatorio giuridico sui diritti del Terzo Settore.

leggi l’articolo su Interris.it del 12 febbraio 2021

Luigi BobbaLa riforma del Terzo settore e la tradizione sociale della Chiesa. Intervista a Bobba (Terzjus)
Leggi...

Esclusi ma indispensabili. Il (non) ruolo del Terzo settore nel Recovery Plan

Per la Commissione europea, l’economia sociale e il non profit sono fondamentali per il rilancio dello sviluppo economico. Ma sembra che l’Italia non abbia ancora recepito il messaggio

In un Piano che voglia ricostruire le condizioni per lo sviluppo non solo economico ma anche sociale dell’Italia, il ruolo del Terzo settore e dell’economia sociale dovrebbe messo in primo piano, piuttosto che nascosto tra le righe. Invece nel Pnrr il Terzo settore è citato, in qualche punto, ma senza molta convinzione. Dell’economia sociale nessuna traccia del tutto. Quasi fossero temi estranei al compito, assegnato al Piano, di indicare le strade per rigenerare un Paese stremato.

leggi l’articolo di Gianluca Salvatori su Linkiesta del 6 febbraio 2021

Luigi BobbaEsclusi ma indispensabili. Il (non) ruolo del Terzo settore nel Recovery Plan
Leggi...

Convegno “Il Terzo settore protagonista della rinascita del Paese”, mercoledì 3 febbraio ore 15:30

Il prossimo 3 febbraio Vita vuole fornire l’occazione per una ulteriore riflessione sul Recovery Plan favorendo il confronto tra esperti e leadership del Terzo settore così da poter contribuire ad un contributo di idee e di proposte fattivo.

Parteciperanno Stefano Zamagni, Mario Calderini, Sabina De Luca, Gianluca Salvatori, Eleonora Vanni, Marco Leonardi, Chiara Saraceno, Giampaolo Silvestri, Carlo Borgomeo, Claudia Fiaschi, Luigi Bobba.

Programma:

15,30 Apertura
Conducono Riccardo Bonacina e Stefano Arduino, Vita.it

15,35 Relazione introduttiva
Stefano Zamagni, economista, presidente della Pontificia accademia della Scienze sociali

Interventi 

15,50 Tema: Valutazione e indicazione risultati attesi
Mario Calderini, Politecnico di Milano, Sabina De Luca (coordinamento Forum Disuguaglianze e Diversità)

16,10 Tema: Economia civile e imprese sociali da una posizione ancillare a protagonisti
Gianluca Salvatori, Segretario Generale di Euricse; Eleonora Vanni, Presidente di Legacoopsociali

16,30 Tema: Terzo settore soggetto diretto di implementazione e di erogazione fondi
Marco Leonardi, Università Statale di Milano

16,40 Tema: Istruzione e Minori
Chiara Saraceno, sociologa, Alleanza per l’infanzia

16,50 Tema: Terzo settore soggetto diretto di implementazione e di erogazione fondi
Gian Paolo Silvestri, segretario generale Avsi, Carlo Borgomeo, Pres. Fondazione con il Sud

17,10 Tema: Governance del Recovery Plan e Terzo settore
Claudia Fiaschi, portavoce Forum Terzo settore

17,20 Conclusioni
Luigi Bobba, presidente di Terzjus

► Quando: Mercoledì 3 febbraio alle ore 15,30

► Dove: sulla pagina Facebook di Vita: qui

Luigi BobbaConvegno “Il Terzo settore protagonista della rinascita del Paese”, mercoledì 3 febbraio ore 15:30
Leggi...