Carlo Cottarelli: Ridurre i costi della politica è una priorità, ma…

Ridurre i costi della politica è una priorità, ma se anche lo facessimo non basterebbe certo a risolvere i nostri problemi di finanza pubblica… (vedi il video qui sotto)

Carlo Cottarelli, on Twitter

 

Luigi BobbaCarlo Cottarelli: Ridurre i costi della politica è una priorità, ma…
Leggi...

Pro e contro dell’imposta su successioni e donazioni

L’Imposta sulle successioni e sulle donazioni (ISD) italiana è caratterizzata da aliquote molto basse e franchigie elevate. Anche per questo, il gettito dell’imposta è modesto (820 milioni nel 2018) e significativamente inferiore a quello degli altri principali paesi europei. Esistono argomentazioni a favore e contro un suo rafforzamento: da un lato l’imposta può essere uno strumento di equità sociale ed è meno distorsiva delle imposte sui redditi, dall’altro è difficile evitare che essa finisca per colpire soprattutto le proprietà immobiliari del ceto medio. L’esempio degli altri paesi europei a noi più simili suggerisce però che aumentare il gettito derivante da questo tipo di imposta è possibile.

leggi l’articolo di di Edoardo Frattola e Giampaolo Galli, Osservatorio CPI del 5 febbraio 2020

 

Luigi BobbaPro e contro dell’imposta su successioni e donazioni
Leggi...

La spesa per la pubblica istruzione

Nel 2017 la spesa italiana per la pubblica istruzione ammontava a 66 miliardi di euro, leggermente meno della spesa per il pagamento degli interessi sul debito pubblico. Valutando la spesa pubblica per istruzione sia rispetto al Pil, sia rispetto alla spesa pubblica totale, l’Italia si colloca agli ultimi posti delle classifiche europee e dalla crisi del 2007-08 in poi il divario con le medie UE si sta allargando. Il problema riguarda soprattutto l’istruzione terziaria. Tenendo conto della struttura demografica della popolazione, le spese per istruzione pubblica primaria e secondaria del nostro Paese sono poco sopra alle medie UE, mentre quella per istruzione terziaria è al penultimo posto in Europa. Nonostante il recente aumento di spesa privata, la situazione per l’istruzione universitaria è in peggioramento: la spesa complessiva è calata di oltre 600 milioni tra il 2010 e il 2015. L’Italia presenta anche un numero di laureati ben minore della media UE. (leggi il resto dell’articolo)

 

Luigi BobbaLa spesa per la pubblica istruzione
Leggi...