Appunti e spunti in tema di impresa sociale degli enti ecclesiastici.

L’ente ecclesiastico non può, in senso stretto, né assumere la qualifica di ente del terzo settore né quella, più specifica, di impresa sociale, ma può avvalersi della disciplina di cui al d.lgs. 112/2017 (come in generale di quella di cui al Codice del terzo settore) per esercitare, direttamente o indirettamente, un’attività d’impresa d’interesse generale. Ciò può avvenire in due modi: o costituendo un “ramo impresa sociale” oppure costituendo un’impresa sociale strumentale in forma di s.r.l. o di s.p.a. unipersonale.

Nello scritto si conduce un’analisi costi-benefici delle due opzioni alla luce della disciplina applicabile al “ramo impresa sociale” da un parte e alla società impresa sociale dall’altra. All’argomento molto dibattuto in dottrina della separazione patrimoniale si aggiunge l’elemento della governance come fattore in certi casi determinante ai fini della scelta.

Lo scritto riprende e sviluppa i contenuti della relazione presentata dall’Autore al seminario “Ente ecclesiastico e gestione delle proprie opere. Ente collegato e ramo. Opportunità e criticità”, organizzato da USMI e CISM il 27 novembre 2020.

leggi l’articolo del Prof. Avv. Antonio Fici, Direttore Scientifico di Terzjus – Osservatorio di Diritto del terzo settore, della filantropia e dell’impresa sociale

 

Luigi BobbaAppunti e spunti in tema di impresa sociale degli enti ecclesiastici.
Leggi...

Pubbliche amministrazioni e Terzo Settore: quali rapporti dopo la sentenza 131/2020?

Il primo Quaderno dell’Osservatorio Terzjus esamina il conflitto interpretativo a livello giurisprudenziale ed istituzionale sugli articoli 55 e 56 del Codice del Terzo Settore e la recente pronuncia della Consulta

Lo scorso 11 giugno Terzjus, associazione presieduta da Luigi Bobba che intende diffondere la cultura giuridica del Terzo Settore, ha organizzato il seminario “I rapporti tra pubbliche amministrazioni ed enti del Terzo Settore. Prospettive e criticità alla luce degli artt. 55-56 del Codice“. Da quel momento di confronto è nato un un lavoro di riflessione tra diversi studiosi ed esperti che ha portato alla recente di pubblicazione di “I rapporti tra pubbliche amministrazioni ed enti del terzo settore. Dopo la sentenza della Corte Costituzionale n.131/2020” a cura di Antonio Fici, Luciano Gallo e Fabio Gaglioni.

Il volume prende in esame gli articoli 55 e 56 del Codice del terzo settore – che dalla loro entrata in vigore sono stati al centro di un acceso conflitto interpretativo a livello giurisprudenziale ed istituzionale (vedi ad esempio qui e qui)  – e la più recente sentenza 131/2020 della Consulta, che sembra ridisegnare il quadro interpretativo in maniera più favorevole al Terzo Settore ed al suo diritto.

La pubblicazione, che inaugura una nuova Collana di studi e ricerche promossa da Terzjus, esplora tali temi in prospettiva sistematica e multidisciplinare. Qui è possibile scaricare il documento, mentre qui è disponibile la prefazione del volume a cura di Luigi Bobba.

Per saperne di più

I rapporti tra pubbliche amministrazioni ed enti del Terzo Settore

fonte: Secondo Welfare del 19 ottobre 2020

Luigi BobbaPubbliche amministrazioni e Terzo Settore: quali rapporti dopo la sentenza 131/2020?
Leggi...

Bobba: «Appalti sociali? Applicare il Codice del Terzo settore»

Il progetto dell’associazione Terzjus

dal Corriere della Sera – Buone Notizie di martedì 16 giugno 2020 pagina 4

Per affidare alle associazioni le attività estive dei bambini o la pulizia del verde le amministrazioni pubbliche non devono passare dal Codice degli appalti, perché basta il Codice del Terzo settore. A ricordare le novità introdotte dalla Riforma è Luigi Bobba, già sottosegretario al ministero del Lavoro con delega al Terzo settore dei governi Renzi-Gentiloni che a febbraio ha fondato «Terzjus – Osservatorio di diritto del Terzo settore, della filantropia e dell’impresa sociale». L’11 giugno la neonata associazione ha organizzato un seminario sul tema. Perché? Perché in due pronunce la giustizia amministrativa ha smorzato gli entusiasmi. «In giugno – spiega Bobba – il Tar della Toscana ha emesso una sentenza che stringe notevolmente il campo di applicazione e questo perché ha seguito un parere del Consiglio di Stato espresso nel 2018 che ha dato un’interpretazione molto restrittiva di questa possibilità prevista dal Codice». L’associazione ha riunito online gli esperti in materia per parlare de «I rapporti tra pubbliche amministrazioni ed enti del Terzo settore. Prospettive e criticità alla luce degli articoli 55-56 del Codice». Ne hanno discusso, tra gli altri, Antonio Fici, direttore scientifico di Terzjus; Felice Scalvini, consigliere di amministrazione di Terzjus e presidente di Assifero; Gregorio Arena, presidente di Labsus; Alessandro Lombardi, direttore generale del dipartimento del Terzo settore del ministero del Lavoro; e Marcello Clarich, Comitato scientifico di Terzjus. Per fare chiarezza sono attese a breve le linee guida del ministero del Lavoro. ( f. ch. )

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Luigi BobbaBobba: «Appalti sociali? Applicare il Codice del Terzo settore»
Leggi...

Antonio Fici: “Non c’è Terzo settore senza diritto del Terzo settore”

La sintesi dei lavori del primo seminario online del neonato “Osservatorio di Diritto del terzo settore, della filantropia e dell’impresa sociale” presieduto da Luigi Bobba, sui rapporti tra le PA e gli enti non profit

Alla presenza “virtuale” di circa 300 partecipanti, si è svolto il primo seminario online organizzato da Terzjus, il neonato “Osservatorio di Diritto del terzo settore, della filantropia e dell’impresa sociale”, costituito da diversi enti e reti del terzo settore e presieduto da Luigi Bobba, che da sottosegretario del Ministero del Lavoro è stato il “padre” della riforma del 2017. La registrazione integrale del seminario sarà presto resa disponibile nel sito dell’Osservatorio. Introduzione e conclusioni sono state tenute dal direttore scientifico dell’Osservatorio, prof. Antonio Fici. Ci si sofferma sulle sfide e le opportunità nascenti dagli articoli 55 e 56 del Codice, anche alla luce degli spunti forniti dagli autorevoli relatori intervenuti durante l’evento.

leggi l’articolo di Antonio Fici su Vita.it

Luigi BobbaAntonio Fici: “Non c’è Terzo settore senza diritto del Terzo settore”
Leggi...