Esclusi ma indispensabili. Il (non) ruolo del Terzo settore nel Recovery Plan

Per la Commissione europea, l’economia sociale e il non profit sono fondamentali per il rilancio dello sviluppo economico. Ma sembra che l’Italia non abbia ancora recepito il messaggio

In un Piano che voglia ricostruire le condizioni per lo sviluppo non solo economico ma anche sociale dell’Italia, il ruolo del Terzo settore e dell’economia sociale dovrebbe messo in primo piano, piuttosto che nascosto tra le righe. Invece nel Pnrr il Terzo settore è citato, in qualche punto, ma senza molta convinzione. Dell’economia sociale nessuna traccia del tutto. Quasi fossero temi estranei al compito, assegnato al Piano, di indicare le strade per rigenerare un Paese stremato.

leggi l’articolo di Gianluca Salvatori su Linkiesta del 6 febbraio 2021

Luigi BobbaEsclusi ma indispensabili. Il (non) ruolo del Terzo settore nel Recovery Plan
Leggi...

PNRR? Il 20% delle risorse sia destinato direttamente al Terzo settore

Vita ha organizzato un confronto in diretta su Facebook tra esperti e leadership del Terzo settore dal titolo “Il terzo settore protagonista della rinascita del Paese” per ragionare del “Piano nazionale di ripresa e resilienza” che nelle sue molteplici stesure continua a relegare il Terzo settore in una posizione subordinata rispetto alla pubblica amministrazione

leggi l’articolo su Vita.it del 03 febbraio 2021

qui la registrazione dell’incontro

Luigi BobbaPNRR? Il 20% delle risorse sia destinato direttamente al Terzo settore
Leggi...

Next Generation Italia. Il Terzo settore protagonista della rinascita del Paese

Nelle ultime due settimane molti rappresentanti del Terzo settore, sia in queste pagine che altrove, sono intervenuti sul tema e Il Forum del Terzo settore pochi giorni fa ha presentato le sue proposte a Giuseppe Conte. Il prossimo 3 febbraio un incontro tra quanti hanno preso parola per un confronto tra esperti e operatori e per formulare proposte

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza nella sua prima versione si era completamente dimenticato del Terzo settore. Poi, dopo la protesta di tanti, dentro e fuori il Parlamento, la versione approvata in Cdm destina una manciata di risorse per irrobustire la struttura e la capacità di intervento del Terzo settore nominato nell’ultima versione più volte. Mantenendo però ancora il Terzo settore in un meccanismo ancillare rispetto alla pubblica amministrazione. Su Vita.it sono stati molti gli interventi in queste settimane.

leggi l’articolo su Vita.it del 27 gennaio 2021

Luigi BobbaNext Generation Italia. Il Terzo settore protagonista della rinascita del Paese
Leggi...

Luigi Bobba: «Bene i 600 milioni sull’apprendistato duale nel PNRR. Ma…»

Il presidente dell’osservatorio Terzjus: «Sarebbe necessario che, nella terza bozza del piano, queste risorse venissero incrementate e che allo stesso tempo si avviassero vere politiche attive del lavoro nonché una rimessa a punto delle norme che riguardano l’apprendistato»

Prendendo spunto dal dibattito dedicato alla misura contenuta nel PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) circa gli ITS (Istituti Tecnici Superiori), che contiene un investimento per i prossimi 5 anni di circa 2 miliardi di euro, ritengo valga la pena dare attenzione anche all’altra gamba del sistema duale.

leggi il mio articolo su Vita.it del 21 gennaio 2020

Luigi BobbaLuigi Bobba: «Bene i 600 milioni sull’apprendistato duale nel PNRR. Ma…»
Leggi...

Next Generation Italia – Riforme & Investimenti

Next Generation Italia – Riforme & Investimenti è il nuovo documento elaborato da M&M che fa séguito a “Next Generation Italia – Piano esecutivo”, presentato dall’Associazione a metà ottobre, che forniva alcune proposte su come meglio attuare il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), sulla base delle linee guida indicate dalla Commissione europea

La presente nota costituisce un’ulteriore componente di Next Generation Italia ed affronta principalmente due aspetti:

  • Da un lato, mira a esporre, anche attraverso esempi, il binomio inscindibile riforme/investimenti. Noi rimaniamo convinti che le riforme strutturali abilitino gli investimenti e gli investimenti facilitino riforme. Entrambe le componenti devono essere presenti nel Piano nazionale di rilancio e resilienza;
  • Dall’altro, mostra come la Recovery and Resilience Facility possa essere utilizzata da leva e catalizzatore per investimenti privati, così da moltiplicarne le risorse per esempio attraverso PPP o fondi misti.

Come per gli altri lavori di M&M, Next Generation Italia – Riforme & Investimenti è frutto di un lavoro collettivo di imprenditori, manager, esperti di finanza, diplomatici, avvocati, funazionari pubblici, esponenti del terzo settore ed accademici.

vai all’articolo di Minima Moralia del 6 gennaio 2021

scarica l’articolo

Luigi BobbaNext Generation Italia – Riforme & Investimenti
Leggi...