Il volontariato non è la ruota di scorta dello Stato

Luigi Bobba, padre della riforma del terzo settore, spiega i vantaggi del registro del no profit. “Il volontariato non è la ruota di scorta dello Stato. Ma se morissero le associazioni la vita della nostra città sarebbe fortemente impoverita”

Sposato, due figlie, classe 1955, Luigi Bobba è uno dei padri della riforma del terzo settore, nel cui ambito ha speso gran parte dell’attività professionale e politica: vicesegretario dei giovani delle Acli negli anni ‘80, responsabile delle attività dei servizi e del lavoro delle Acli a Roma, nel 1994 vice-presidente nazionale delle Acli e presidente dal ‘98 al 2006. Portavoce del forum del terzo settore nel ‘97-’98, uno dei soci fondatori di Banca Etica e vice-presidente per due mandati, creatore 25 anni fa con la Fiera di Verona di Job&Orienta, occasione che metteva insieme quello che oggi è compreso sotto il cappello dell’alternanza scuola-lavoro e apprendistato formativo, un incontro fra le imprese, la formazione, la scuola e il lavoro. 

leggi l’intervista

Luigi BobbaIl volontariato non è la ruota di scorta dello Stato
Leggi...

«Una tassa sulla povertà: punisce le organizzazioni che aiutano i bisognosi»

Dicono di voler colpire con quest’aumento dell’IRES per gli enti del terzo settore “i furbetti”… ma non ce n’è bisogno, basterebbe che si occupassero per bene dell’attuazione della Riforma che ancora in attesa di decreti attuativi. In quella riforma del terzo settore c’è l’istituzione del registro unico nazionale, che già da solo contrasta che non opera correttamente.

leggi l’intervista su Notozia Oggi Vercelli del 31 dicembre 2018

Luigi Bobba«Una tassa sulla povertà: punisce le organizzazioni che aiutano i bisognosi»
Leggi...