Luigi Bobba: Perché è necessario nel 2020 arrivare a un concetto di inclusione globale? Qual è il valore, quali i risultati attesi?

Credo che la crisi pandemica che abbiamo vissuto negli ultimi mesi abbia messo in luce l’opportunità, anzi la necessità, di un principio radicale di giustizia sociale. Se guardiamo alla crisi  non con parametri buonisti (“andrà tutto bene”, “riprenderemo come prima”, …) o come una semplice parentesi che non metterà in discussione i valori che hanno guidato l’ordine mondiale sino ad oggi, allora apparira’ chiaro che il principio di inclusione debba essere globale e non riferito unicamente ad un paese o ad una o più categorie sociali. L’uscita dalla crisi non potrà che essere “insieme”, ovvero rimettendo in discussione alcuni cardini del  nostro sistema economico e sociale.

leggi la mia intervista sul sito di Gruppo TIM

 

Luigi BobbaLuigi Bobba: Perché è necessario nel 2020 arrivare a un concetto di inclusione globale? Qual è il valore, quali i risultati attesi?
Leggi...

TIM partner di “Global Inclusion 2020”

Il Global Inclusion 2020 è stato un evento per noi particolarmente importante perché dedicato al ricordo di Fabio Galluccio, scomparso lo scorso marzo. In TIM Fabio, con una visione pioneristica, ha gettato le basi per la nascita del diversity & inclusion management in Italia e di un importante sistema di welfare.

Dello spirito che anima lo Statuto e l’evento Global Inclusion 2020 abbiamo discusso con Luigi Bobbapresidente del “Comitato Global Inclusion – art. 3” e protagonista storico del terzo settore italiano.

leggi l’articolo e il ricordo di Fabio Galluccio di Gruppo TIM

Luigi BobbaTIM partner di “Global Inclusion 2020”
Leggi...

Registro unico. Bobba: “Messo un punto fermo. Ora informazioni chiare e accessibili”

Con il via libera da parte della Conferenza Stato Regioni sul Registro unico nazionale del terzo settore riprende l’iter della riforma. Ora la palla passa alle regioni. Il commento dell’ex sottosegretario e tra i “padri” della riforma: “Ci sono tutte le premesse perché il lavoro vada a buon fine”

leggi la mia intervista su Il Redattore sociale dell’11 settembre 2020

 

Luigi BobbaRegistro unico. Bobba: “Messo un punto fermo. Ora informazioni chiare e accessibili”
Leggi...

Luigi BOBBA: grato al Presidente Sergio MATTARELLA che ha insignito “Global Inclusion. Rinascere insieme 2020” della Medaglia del Presidente della Repubblica

Comunicato Stampa

Luigi BOBBA: grato al Presidente Sergio MATTARELLA che ha insignito “Global Inclusion. Rinascere insieme 2020” della Medaglia del Presidente della Repubblica

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha insignito la manifestazione “Global Inclusion. Rinascere insieme 2020” della Medaglia del Presidente della Repubblica alla vigilia della seconda edizione di quelli che sono stati definiti dalla stampa italiana gli “stati generali dell’inclusione”.

“Sono grato al Presidente Sergio Mattarella – dichiara Luigi Bobba, presidente del Comitato Global Inclusion Art.3 – per aver voluto assegnare la Medaglia del Presidente della Repubblica all’evento digitale “Global Inclusion. Rinascere insieme 2020” che si tiene venerdì 11 settembre. Come Presidente del Comitato, accolgo questo riconoscimento del Capo dello Stato come un forte incoraggiamento a proseguire nel cammino intrapreso”.

Infatti, proprio ispirandosi all’Art.3 della Costituzione, il Comitato Global Inclusion intende promuovere nelle imprese e nei luoghi del lavoro, la cultura e la pratica dell’inclusione come via maestra per “rimuovere tutti gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione economica, politica e sociale del Paese”.

“Per tale compito, ci sentiamo direttamente impegnati – conclude Bobba – e gli incontri, i dialoghi, le testimonianze e le buone pratiche che saranno presentate a Global Inclusion, rappresentano piccoli ma concreti passi per rinascere insieme”.

L’evento, che quest’anno si svolgerà in forma digitale [per iscriversi gratuitamente  compilare il seguente form: www.global-inclusion.org/scheda.php], vedrà tra i partecipanti Elena BONETTI, Ministra delle pari opportunità e della famiglia, Antonio MISIANI, Sottosegretario di Stato per l’economia e le finanze, Matteo Maria ZUPPI, Cardinale e Arcivescovo metropolita di Bologna, Stefano ZAMAGNI, Presidente Pontificia Accademia Scienze Sociali, Nando PAGNONCELLI, presidente IPSOS.

Luigi BobbaLuigi BOBBA: grato al Presidente Sergio MATTARELLA che ha insignito “Global Inclusion. Rinascere insieme 2020” della Medaglia del Presidente della Repubblica
Leggi...

Global Inclusion, Agenda 11 settembre

Agenda 11 settembre

  • 12.00 Agenda del giorno

Saluto delle associazioni del terzo settore partner di Global Inclusion 2020

  • 12.05 Benvenut* a Bologna, la città dell’accessibilità

Marco Lombardo, Comune di Bologna

  • 12.15 Presentazione dello Statuto della Rinascita Inclusiva per l’Italia

– Luigi Bobba, Presidente Comitato Global Inclusion

– Floriana Ferrara, Comitato Global Inclusion

– Laura Orestano, Comitato Global Inclusion

– Giuseppe Santella, Comitato Global Inclusion

– Paolo Venturi, Comitato Global Inclusion

  • 12.40 Case-history “Un viaggio nel mondo”

Deloitte

  • 13.00 Presentazione tavoli di lavoro “Associazione Italiana per la Direzione del Personale”

Isabella Covili, Presidente AIDP

Claudia Tondelli, AIDP Diversity

  • 13.10 Ecosistema dell’inclusione

Stefano Zamagni, Presidente Pontificia Accademia Scienze Sociali

  • 13.20 Case-history “Il patto tra le generazioni: rinascere con i giovani”

Unipol

  • 13.40 Case-history “Il cambiamento culturale per la rinascita inclusiva”

Intesa Sanpaolo

  • 13.50 La condizione delle donne e dei ragazzi nella crisi Covid-19

Nando Pagnoncelli, presidente IPSOS

  • 14.00 Annuncio vincitori TIM Hackathon “Age diversity: valorizzare il mix generazionale”

Essere diversity&inclusion leader secondo TIM

  • 14.10 La rete sociale delle famiglie

Elena Bonetti, Ministra delle pari opportunità e della famiglia

  • 14.20 Case-history “Il viaggio dell’eroe”

Fondazione 3M

  • 14.30 Tavola rotonda “Diventare comunità di apprendimento”

Coca Cola, Discovery, Pragma e Lexellent

  • 14.50 Case-history “Pionieri dell’inclusione”

IBM

  • 15.00 Case-history “Prendere in mano il proprio destino”

Goel

  • 15.10 Parole nuove per la rinascita “Thrivabiliity”: crescita potenziale di sviluppo sostenibile

Sandro Calvani, global leader, Mae Fah Luang Foundation

  • 15.20 il Valore dell’ inclusione

Matteo Maria Zuppi, Cardinale e Arcivescovo metropolita di Bologna

Antonio Misiani, Sottosegretario di Stato per l’economia e le finanze

Chiusura Saluto delle università partner di Global Inclusion 2020

  • La necessità di chiudere i confini tra il virus e le persone non può giustificare “la creazione di nuovi confini tra persona e persona, nazione e nazione” (Yuval Noah Harari)
Luigi BobbaGlobal Inclusion, Agenda 11 settembre
Leggi...

Bobba: così la riforma del Terzo Settore può incoraggiare la filantropia di impresa

Le novità normative e l’emergenza Covid-19 stanno mostrando il valore di un mondo che finora è apparso poco significativo per dimensioni e ruolo, ma che può fornire un contributo importante al nostro Paese

Fondazione Bracco, in collaborazione con Percorsi di secondo welfare, ha deciso di promuovere un ciclo di approfondimenti sulle Fondazioni di impresa italiane coinvolgendo osservatori privilegiati, studiosi ed esperti di varie discipline. L’obiettivo, alla luce delle nuove e complesse sfide sociali sollevate dalla pandemia di Covid-19, è ragionare trasversalmente sul ruolo che le Corporate Foundations del nostro Paese potranno giocare nel prossimo futuro, inserendo tali riflessioni in un una cornice analitica il più possibile ampia e articolata.

Nell’ambito di tale iniziativa abbiamo chiesto a Luigi Bobba di raccontarci in che modo la filantropia di impresa si inserisce nel più ampio quadro della riforma del Terzo Settore. Bobba, già portavoce del Forum Terzo Settore e Presidente delle ACLI, dal 2014 al 2018 è stato Sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con delega per il Terzo Settore, ed è stato uno dei principali artefici della riforma. Pochi mesi fa ha dato vita a Terzjus, Osservatorio che intende attraverso attività di studio e ricerca intende favorire la comprensione e un’efficace applicazione del nuovo “diritto comune del Terzo Settore” stabilito nato proprio dalla riforma.

leggi l’intervista su Secondo Welfare del 4 settembre 2020

Luigi BobbaBobba: così la riforma del Terzo Settore può incoraggiare la filantropia di impresa
Leggi...

Global Inclusion: l’11 settembre in streaming come cambiare L’Italia in maniera inclusiva

L’ 11 settembre si terrà la seconda edizione di Global Inclusion, l’evento digitale in streaming a intranet unificate in cui imprese, associazioni non profit, università e istituzioni si confronteranno su come cambiare il nostro paese in quelli che sono stati definiti gli Stati Generali dell’inclusione.

Consapevole della gravità del momento, l’ecosistema delle imprese, associazioni non profit, università e istituzioni si propone di contribuire a trasformare il Paese in una comunità aperta al futuro, valorizzando reti ed alleanze orientate a preservare e accrescere il valore del sistema Italia con impegno, operosità e solidarietà.

Il programma di Global Inclusion 2020

MATTEO MARIA ZUPPI Cardinale e Arcivescovo metropolita di Bologna

PRESENTAZIONE STATUTO DELLA RINASCITA INCLUSIVA

LUIGI BOBBA Presidente Comitato Global Inclusion – Art. 3

LAURA ORESTANO Comitato Global Inclusion – Art. 3

FLORIANA FERRARA Comitato Global Inclusion – Art. 3

GIUSEPPE SANTELLA Comitato Global Inclusion – Art. 3

PAOLO VENTURI Comitato Global Inclusion – Art. 3

INTERVENTI KEY NOTE

Inclusione anno 2020 ELENA BONETTI, Ministra per le pari opportunità e la famiglia

Economia e Inclusione ANTONIO MISIANI, Sottosegretario di Stato per l’economia e le finanze

Crescita potenziale di sviluppo sostenibile SANDRO CALVANI

La condizione delle donne e dei bambini nella crisi Covid-19 NANDO PAGNONCELLI, Ipsos

Prendere in mano il proprio destino: la moda eticaVINCENZO LINARELLO, Goel

Ecosistema dell’inclusione STEFANO ZAMAGNI, Presidente della Pontificia accademia per le scienze sociali

ESPERIENZE Il patto tra le generazioni: rinascere con i giovani

PRESENTAZIONE LAVORI ASSOCIAZIONE ITALIANA DIREZIONE DEL PERSONALE

TERZO SETTORE E UNIVERSITÀ

CHIUSURA

Invito alla sottoscrizione dello Statuto della Rinascita inclusiva

leggi l’articolo su Massa Critica de 29 agosto 2020

 

Luigi BobbaGlobal Inclusion: l’11 settembre in streaming come cambiare L’Italia in maniera inclusiva
Leggi...

Incidente sul Monte Rosa per Luigi Bobba

Ho atteso 48 ore prima di scrivere qualche pensiero sulla caduta che mi è capitata sul ghiacciaio del Gastelet a pochi passi dal rifugio Gnifetti situato a 3647 m, base di partenza per la Capanna Margherita, situata sulla Punta Gnifetti a 4554 m. Il più alto rifugio d’Europa.
Volevo vedere la ristrutturazione della Margherita completata proprio in questo agosto a 40 anni dall”ultimo intervento. E poi il desiderio di Carlo e di Fabrizio e Mariachiara Zeri di salire per la prima volta alla Margherita, mi aveva spinto a programmare un’ascensione che avevo già fatto diverse volte. E invece lì sul ghiacciaio del Gastelet (prima foto a sinistra) l’imponderabile o la distrazione mi hanno fatto scivolare sul ripido ghiacciaio (foto due) ormai pieno di detriti per via dello scioglimento. Eravamo saliti fin lì ridendo e scherzando con Mariachiara, Fabrizio e Carlo salendo le roccette prima del ghiacciaio. Felici di poter fare questa ascensione. E invece, manco fossi un principiante e non uno che è salito da quando avevo 20 anni su tutte le nostre belle montagne – Bianco, Rosa, Cervino, Granparadiso e tante altre – sono scivolato per più di 50 m in un tratto esposto ma non particolarmente difficile. Devo dire grazie al mio Angelo Custode, o alla Madonnina dei ghiacciai situata al Rifugio, che hanno guardato dalla parte giusta evitandomi guai peggiori. E poi grazie alle guide, prontamente scese dal rifugio, che hanno chiamato subito l’elicottero e agli operatori del Soccorso Alpino che in poco tempo mi hanno trasferito in sicurezza al reparto di Medicina di urgenza dell’ospedale di Aosta, dove oggi mi trovo, e dove sono stato curato con professionalità e umanità. E grazie a mia moglie Ornella e alle mie due figlie Arianna e Giuliana che, da vicino e da lontano, mi hanno aiutato superare lo spavento e il trauma della spaventosa caduta. Sicuramente continuerò a salire le nostre meravigliose montagne, ma l’incidente, per fortuna senza gravi conseguenze (scherzando dico non ho nulla rotto, ma sono tutto grattugiato), mi ha insegnato a raddoppiare la prudenza e l’attenzione alla sicurezza. Ma la passione per la montagna non si spegne. È una passione vitale che spero di poter ancora a lungo coltivare.
P.S. Non posto la mia foto dall”ospedale, perché potrei turbare il sonno di qualcuno, ma tranquilli tra un paio di giorni mi dimettono.
Post post scriptum. Grazie a Carlo, Fabrizio e Mariachiara che il giorno dopo sono andati sul luogo dove la mia caduta si è arrestata e hanno recuperato il mio cellulare (un po’ ammaccato come il sottoscritto) ma perfettamente funzionante. Tanto che è proprio da questo cellulare che scrivo.
Luigi BobbaIncidente sul Monte Rosa per Luigi Bobba
Leggi...

Con VITA e Corriere della Sera un “5 per mille ad alto impatto”

«Ci sono quasi 16,5 milioni di italiani che scelgono di avvalersi del 5 per 1000, ovvero più della metà dei contribuenti italiani che presentano una dichiarazione dei redditi con una tassazione positiva. È da loro che bisogna ripartire se non vogliamo – come ha scritto De Rita – arrenderci allo statalismo dell’emergenza. La coincidenza tra la prossima campagna fiscale e la Fase 2 della crisi epidemica, ci offre l’occasione per ripensare e rafforzare questo originale strumento di sussidiarietà fiscale – nato nel 2006 -, che viene utilizzato da un numero di contribuenti quasi pari a quelli optano per l’8 per 1000 per le diverse confessioni religiose e cinque volte superiore a coloro che si avvalgono del 2 per 1000 destinato ai partiti politici. Il successo di questa misura evidenzia quanto gli italiani apprezzino il lavoro di tante associazioni, fondazioni e organizzazioni di volontariato che promuovono la ricerca scientifica per combattere malattie mortali, che operano in luoghi di conflitto e di miseria, che si impegnano per la cura e l’educazione dei bambini e dei ragazzi specialmente nei paesi del Sud del mondo, che sono vicine agli anziani e alle persone disabili e che proteggono e curano il nostro ambiente e i nostri beni culturali». A scriverlo nell’editoriale che apre il fascicolo di 24 pagine in allegato al Corriere della Sera di oggi e al numero di Vita magazine di giugno è Luigi Bobba, già sottosegretario al Welfare e presidente di Terzjus, Osservatorio di diritto del Terzo settore, della filantropia e dell’impresa sociale.

leggi l’articolo su Vita.it del 5 giugno 2020

Luigi BobbaCon VITA e Corriere della Sera un “5 per mille ad alto impatto”
Leggi...