Il debito buono si può fare. L’agenda Draghi declinata dal prof. Fortis

L’economista della Cattolica e della Fondazione Edison: inutile vivacchiare, indebitarsi in modo produttivo vuol dire investire, fare porti, Alta Velocità e scuole, anche ricorrendo al Mes. Rubare il futuro ai giovani? Serve una prospettiva, a che serve studiare legge se la giustizia non funziona?

leggi l’articolo su Formiche.net del 19 agosto 2020

Luigi BobbaIl debito buono si può fare. L’agenda Draghi declinata dal prof. Fortis
Leggi...

Incertezza e responsabilità, l’intervento di Mario Draghi al 41° Meeting

12 anni fa la crisi finanziaria provocò la più grande distruzione economica mai vista in periodo di pace. Abbiamo poi avuto in Europa una seconda recessione e un’ulteriore perdita di posti di lavoro. Si sono succedute la crisi dell’euro e la pesante minaccia della depressione e della deflazione. Superammo tutto ciò.

leggi l’intero intervento sul sito del Meeting di Rimini 2020

Luigi BobbaIncertezza e responsabilità, l’intervento di Mario Draghi al 41° Meeting
Leggi...

Non tenete in panchina la nostra generazione: la lettera dei giovani italiani all’estero a Conte

Dopo la nostra inchiesta sui trentenni lasciati fuori da ogni decisione strategica per il Paese, la rete degli expat si mobilita per chiedere maggiore giustizia intergenerazionale

«Non lasciateci in panchina», è questo il messaggio che i Giovani Italiani all’Estero inviano alla politica tutta, alla società Italiana e al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Dopo l’inchiesta dell’Espresso “Noi trentenni, la bomba sociale pronta a esplodere” a proposito della marginalizzazione degli under 40 da qualsiasi scelta strategica per il futuro del paese, la rete dei giovani italiani nel mondo, nata a Palermo nel 2019 per iniziativa del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero, e rappresentata da Maria Chiara Prodi, ha scritto al nostro giornale una lettera perché le istituzioni coinvolgano sempre di più i giovani expat.
Luigi BobbaNon tenete in panchina la nostra generazione: la lettera dei giovani italiani all’estero a Conte
Leggi...

“Gli ammortizzatori sociali non sono panacea di tutti i mali” Francesco Seghezzi

Non ci voleva un genio a capirlo, ma nel I trimestre 2020 è stata la fetta più giovane del mercato del #lavoro a pagare le conseguenze della pandemia con un calo dei nuovi contratti del 13% rispetto allo scorso anno. Gli ammortizzatori sociali non sono panacea di tutti i mali.

 

Luigi Bobba“Gli ammortizzatori sociali non sono panacea di tutti i mali” Francesco Seghezzi
Leggi...

Luigi Bobba a TGtg di TV2000 del 27 maggio 2020

“Nella proposta che è stata fatta di questi assistenti civici, il terzo settore non è mai stato nominato”

 

Luigi BobbaLuigi Bobba a TGtg di TV2000 del 27 maggio 2020
Leggi...

Luigi Bobba: Assistenti civici? Il Governo cambi strada, più Servizio civile e una App per i volontari

La proposta, per fortuna cassata, di Boccia e Decaro favoriva una sorta di statalizzazione soft del volontariato. Se si vogliono aiutare i Comuni, esigenza giustissima, si incrementi in modo significativo – 150 milioni – il Fondo per il Servizio civile. Ovvero si raddoppi il numero dei giovani che nel prossimo autunno potranno accedere al Servizio civile universale. E si segua l’esempio inglese della App per i volontari

leggi la mia intervista su Vita.it del 26 maggio 2020

Luigi BobbaLuigi Bobba: Assistenti civici? Il Governo cambi strada, più Servizio civile e una App per i volontari
Leggi...

Luigi Bobba: Decreto Rilancio, 4 proposte per rimettere al centro i giovani

Nelle misure del governo finora le nuove generazioni sono state ignorate. Come rimediare? Si potrebbe destinare un miliardo a quattro nuove misure orientate a sviluppare nuove competenze, rafforzare ed allargare il sistema duale di apprendimento, favorire l’inserimento lavorativo dei giovani e proteggere il nuovo lavoro “on demande” gestito dalle piattaforme

leggi il mio articolo su Vita.it del 16 maggio 2020

Luigi BobbaLuigi Bobba: Decreto Rilancio, 4 proposte per rimettere al centro i giovani
Leggi...

La proposta. Terzo settore necessario: tre idee per far salpare la nostra “flotta”

Erogare entro giugno il 5 per mille, mobilitare 80mila giovani, una App all’inglese

Caro direttore,

fu soprannominata ‘la flotta delle zanzare’. Entrò in azione nel maggio del 1943, dopo un appello di Churchill a mobilitarsi per salvare dalle spiagge di Dunkerque (Francia) i soldati britannici ormai accerchiati dalle truppe tedesche e senza via di scampo se non il mare. Certo Churchill spedì a Dunkerque il meglio della Marina britannica; ma per poter avvicinarsi alle spiagge, servivano piccole imbarcazioni più agili e veloci. Così centinaia di civili britannici partirono da Dover con le loro piccole barche e i loro mercantili. Fu proprio grazie a loro che migliaia di soldati inglesi furono tratti in salvo di notte dalle spiagge e poi trasbordati sulle robuste navi della Marina Reale. Anche oggi – in questa drammatica crisi – serve mobilitare ‘la flotta delle zanzare’.

Sicuramente sono indispensabili le imbarcazioni possenti dello Stato – ingenti risorse finanziarie, protezione civile, sistema sanitario, scienziati, esercito. Ma non bastano. Per sconfiggere il virus in questa ‘strana guerra’, servono anche le migliaia di piccole imbarcazioni del Terzo settore. Serve la responsabilità civica, la disponibilità all’impegno volontario, le competenze professionali e relazionali di centinaia di migliaia di volontari singoli e associati presenti nelle nostre comunità. Servono oggi e saranno ancora più preziosi nel tempo della ‘ricostruzione’ dopo che, sperabilmente, la crisi sanitaria sarà superata. Che cosa fare? Tre semplici suggerimenti per il Governo.

Primo: occorre erogare, entro giugno, il 5 per mille sia del 2017 sia del 2018. Un miliardo di euro per 55.000 enti del Terzo settore beneficiari del 5 per mille. Sono risorse già a bilancio, ma c’è un Dpcm fermo da tempo che – se rapidamente approvato – consentirebbe di effettuare questa accelerazione. Un modo concreto per rafforzare le attività e i servizi di queste organizzazioni e, a volte, di evitare che chiudano i battenti. Secondo, abbiamo uno straordinario strumento che si chiama Servizio civile universale. Si stanzino subito le risorse per mobilitare entro tre mesi quei circa 80mila giovani che nell’ultimo bando non hanno trovato posto per fare un anno di servizio volontario. Occorre reperire 400 milioni di risorse aggiuntive ed emanare subito un bando con procedure straordinarie. Quello che è accaduto con i bandi della Protezione civile per medici e infermieri, ci dovrebbe spingere a non lasciare in panchina tante giovani energie. È un piccolo ‘esercito del bene comune’ che attende una chiamata all’ impegno volontario per curare le molte ferite di questa strana guerra. Infine, terzo suggerimento, sull’esempio di quello che sta facendo il governo inglese (questa l’hanno azzeccata), perché non trovare il modo di mobilitare, insieme ai tanti che già sono all’opera nelle reti associative e volontarie, almeno altri 200mila volontari individuali per assolvere quei tanti piccoli compiti di sostegno e servizio per le persone più fragili delle nostre comunità? Assistenza telefonica, consegna di pasti e medicine a domicilio, supporto nei trasporti agli operatori sanitari, volontariato nelle strutture socioassistenziali: compiti semplici, ma importanti per evitare lo sfilacciamento sociale e l’abbandono dei più deboli. Si crei – come hanno fatto gli inglesi – un’apposita App che riesca a far incontrare domanda e offerta: bisogni della popolazione con disponibilità dei volontari. Secondo l’Istat sono sei milioni i volontari in Italia, di cui 1,4 milioni volontari individuali. Non lasciamoli inerti. Il Governo inglese si è affidato ad una antica associazione di volontariato: la Royal Voluntary Service. E in Italia non mancano certo grandi reti capaci di mettere in piedi un servizio di questo tipo che, per certi versi, era stato sperimentato a Milano con Expo 2015. Ora siamo in tempi molto più difficili e carichi di sofferenza e ferite, ma sono certo che una chiamata alla responsabilità civica non andrà deserta. Tre cose semplici, ma urgenti: serve farle bene, ma serve soprattutto farle subito.

leggi la mia lettera al Direttore de L’Avvenire del 31 marzo 2020

Luigi BobbaLa proposta. Terzo settore necessario: tre idee per far salpare la nostra “flotta”
Leggi...