Scuola-lavoro, i sei grandi nodi che frenano la ripresa del Paese

Pesano abbandono precoce degli studi, pochi laureati nelle materie scientifiche, disoccupazione, smantellamento del rapporto istruzione-lavoro, apprendistato e riforma degli Its

C’è un Paese che sta crescendo, spinto dalla manifattura. Ma se non si affrontano subito nodi e ritardi storici del rapporto scuola-lavoro si rischia una brusca frenata a danno di tutti, giovani in testa, non solo del mondo produttivo. Il perché è presto detto.

leggi l’articolo su Il Sole 24 Ore del 24 novembre 2021

Luigi BobbaScuola-lavoro, i sei grandi nodi che frenano la ripresa del Paese
Leggi...

Verso una proposta di legge per l’apprendistato formativo ed il contratto di inserimento lavorativo

 

Dopo una iniziale forte accelerazione concomitante con la sperimentazione del sistema duale di apprendimento avviata nel 2016/2018, l’apprendistato formativo di I e III livello (D.Lgs 81/2015 – Titolo V) ha subito un sostanziale rallentamento. Il primo si attesta oggi attorno agli 11 mila apprendisti assunti annualmente, il secondo, non raggiunge i mille contratti (fonte COB – MLPS).

Lo strumento che, più di ogni altro, ha dimostrato di essere un efficace mezzo per ridurre la lunga transizione dei giovani italiani tra la fine degli studi e l’inserimento lavorativo e che ha dato buoni risultati nel contrastare la dispersione scolastica, rappresenta oggi in Italia un segmento del tutto marginale del mercato del lavoro, nonostante le forti aspettative che aveva suscitato. Oggi è la sfida del post covid 19 che ci obbliga a fare i conti con una forte ripresa della disoccupazione giovanile e con un inadeguato assetto delle politiche attive -soprattutto riguardanti le insufficienti sinergie con i sistemi di istruzione e formazione professionale-. Questa stessa sfida ci pone con forza la questione di rendere più incisivo l’intero assetto dell’apprendistato formativo sia per potenziare l’inserimento lavorativo dei giovani, sia per allargare l’area di intervento di questo contratto di formazione e lavoro verso i lavoratori in transizione, i giovani NEET, i disoccupati di lunga durata, i percettori di reddito di cittadinanza, i lavoratori in cassa integrazione o in Naspi. (continua)

 

leggi l’articolo di Luigi Bobba (Presidente di Terzjus), Maurizio Drezzadore (Consulente di Formazione), Marco Muzzarelli (Direzione Nazionale Fondazione ENGIM) su Bollettino ADAPT 12 luglio 2021, n. 27

Luigi BobbaVerso una proposta di legge per l’apprendistato formativo ed il contratto di inserimento lavorativo
Leggi...

I giovani non sono pigri o choosy, sono semplicemente stanchi di lavorare per essere sfrtuttati

Nel 2015, il Corriere della Sera raccontava che l’80% dei giovani reclutati per lavorare all’Expo di Milano avrebbe rifiutato un contratto semestrale a causa dei “Turni troppo scomodi”. Nel 2017 è invece diventata virale la vicenda di Angelo Pattini, imprenditore milanese che ha trascorso mesi alla ricerca di pasticcieri e panettieri disposti a rinunciare al sussidio di disoccupazione in favore di una paga regolare tra i 1200 e i 1400 euro netti al mese: stando a quanto riportato da Repubblica, riuscire ad assumere cinque dipendenti sembrava un’impresa impossibile. Nessuna candidatura aveva ricevuto lo stesso anno anche un’azienda veneta in cerca di 70 persone tra ingegneri e operai, nonostante i “contratti di tutto rispetto“.

leggi l’articolo di The Vision del 4 maggio 2021

Luigi BobbaI giovani non sono pigri o choosy, sono semplicemente stanchi di lavorare per essere sfrtuttati
Leggi...