Primo Maggio: dov’è la festa?

GIOVEDÌ 28 APRILE 2022, ore 16,30/18,30

CNEL Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro

Viale David Lubin, 2 – Roma

Primo Maggio: dov’è la festa?

Relazioni

La memoria: il Primo Maggio nella storia del lavoro e dei lavoratori, Walter MAROSSI, ricercatore in Storia del movimento operaio, fondazione Bruno Buozzi

L’attualità: il Primo Maggio è ancora tra noi? Mimmo CARRIERI, già professore ordinario di Sociologia Economica e del lavoro, università La Sapienza, Roma

Intermezzo

TRE CANTI DEL LAVORO – GLI SCARIOLANTI

Intervengono alla Tavola rotonda

Giorgio BENVENUTO presidente fondazione Bruno Buozzi

Luigi BOBBA già presidente Acli

Enzo MATTINA già segretario confederale Uil e parlamentare

Giuliana NUVOLI professore di Letteratura Italiana, università degli studi di Milano

Tiziano TREU presidente Cnel

Modera

Luigi TROIANI autore e curatore di La festa e la memoria – Il Primo Maggio dei lavoratori

Per informazioni e inviti all’iniziativa rivolgersi a: 
Fondazione Bruno Buozzi – tel. 066798547 – email: fbb@fondazionebrunobuozzi.it

PrimoMaggio22Locandina

Luigi BobbaPrimo Maggio: dov’è la festa?
Leggi...

Sbrissa: «La formazione professionale, chiave per ridurre il mismatch tra scuola e lavoro»

«Parliamo di lavoro del futuro, ma quel lavoro è già qui. Per capirlo, basta guardare il modello vincente della formazione professionale», spiega l’amministratore delegato di Enaip Veneto. Più che un disequilibrio tra domanda e offerta, aggiunge, c’è una percezione errata da parte di chi «ancora pensa che i tecnici siano lavoratori di serie B, mentre numeri e dati dimostrano il contrario»

«La tecnica è bellezza e il lavoro professionale è il mix vincente di tecnica, bellezza e competenza». Giorgio Sbrissa è Amministratore delegato di Enaip Veneto e dal marzo, scorso, presidente di Forma Veneto, l’associazione regionale degli enti di formazione professionale di ispirazione cristiana, di cui fanno oggi parte Cnos-Fap Veneto (Salesiani), Ficiap Veneto, Enaip Veneto, Fondazione San Nicolò, Fedform Veneto, Ciofs-FP, Irigem e Centro Produttività Veneto. Sbrissa parla con grande passione di «quell’enorme bacino di capacità di generare futuro che è la formazione professionale». Un tema, questo, che accanto al rapporto tra scuola e società, tra scuola e formazione e tra formazione e lavoro è al centro del numero di settembre di Vita.

leggi l’intervista su Vita.it del 10 settembre 2021

Luigi BobbaSbrissa: «La formazione professionale, chiave per ridurre il mismatch tra scuola e lavoro»
Leggi...

Formazione a misura d’impresa e apprendistato, le due sfide per ripartire

Il bagno di realtà a cui ci hanno obbligato i dati sul mercato del lavoro di aprile diffusi da Istat apre non poche prospettive sull’economia italiana dei prossimi mesi. Innanzitutto perché cadono alcuni tabù ai quali ci si era quasi abituati, primo tra tutti quello secondo il quale «nessuno perderà il posto di lavoro».

leggi l’articolo dei Francesco Seghezzi su Il Sole 24 Ore del 11 giugno 2020

scarica l’articolo 20200611_IlSole24Ore_pg.3

leggi l’articolo su Bollettino ADAPT

Luigi BobbaFormazione a misura d’impresa e apprendistato, le due sfide per ripartire
Leggi...

Le esperienze di formazione in azienda devono ripartire

Per tutte queste ragioni, ENGIM ritiene sia FONDAMENTALE far ripartire, insieme alle imprese, anche le attività di alternanza e tutte le forme di tirocinio, tipiche della formazione professionale. Tale scelta non avrà il solo scopo di supportare e facilitare la ripresa delle attività delle imprese, ma anche di introdurre forme di revisione ed innalzamento delle competenze (Reskilling & Upskilling) rivolte alle persone che a causa dell’emergenza economica incontreranno molte difficoltà a entrare o a restare nel mercato del lavoro.

leggi l’articolo di Fondazione ENGIM del 27 Aprile 2020

 

Luigi BobbaLe esperienze di formazione in azienda devono ripartire
Leggi...

“Nel 2018 solo 439mila bambini, il minimo storico dall’Unità d’Italia”

Continua il calo delle nascita in Italia, che si tradurrà in un progressivo svuotamento del mercato del con conseguenze enormi che facciamo finta di non vedere. Nel 2018 solo 439mila bambini, il minimo storico dall’Unità d’Italia. -18 mila rispetto al 2017 (-4,0%).

Luigi Bobba“Nel 2018 solo 439mila bambini, il minimo storico dall’Unità d’Italia”
Leggi...