Con il taglio dei parlamentari non si potrà votare prima di aprile-giugno 2020

Se si voterà entro dicembre, si voterà su 945 parlamentari e non su 600. Ma la proposta di riduzione del numero dei parlamentari non sarebbe vigente nella successiva legislatura. Se invece si vuole renderla davvero vigente nella legislatura successiva, bisogna attendere almeno la primavera inoltrata del 2020, rispettando l’iter dell’articolo 138 della Costituzione. Ecco perché

leggi l’articolo di Francesco Clementi su Il Sole 24 Ore

Luigi BobbaCon il taglio dei parlamentari non si potrà votare prima di aprile-giugno 2020
Leggi...

Chiesa, modernità e secolarizzazione La fede cristiana è un’eterna ricerca

Esce il 22 agosto il saggio di Chiara Giaccardi e Mauro Magatti sulla presenza sociale
dei cattolici (il Mulino): oggi serve il coraggio di farsi pellegrini nel mondo

leggi la recensione di Ferruccio de Bortoli sul Corriere della Sera

 

Luigi BobbaChiesa, modernità e secolarizzazione La fede cristiana è un’eterna ricerca
Leggi...

Cambiano le figure della formazione professionale

Il lavoro di revisione del Repertorio delle qualifiche professionali iniziato quando ero Sottosegretario al Lavoro, è arrivato a conclusione. Maggiore aderenza delle qualifiche e dei diplomi ai profili professionali richiesti dal mercato del lavoro.

leggi l’articolo de Il Sole 24 Ore del 6 agosto 2019

vedi anche

Luigi BobbaCambiano le figure della formazione professionale
Leggi...

Un Paese, due facce. Perché ora rischiamo di essere retrocessi

Di Vico toglie il velo ad un dato apparentemente incomprensibile: se il Pil è fermo, come fa la disoccupazione a scendere? infatti le ore lavorate diminuiscono. Un Paese, due facce. Perché ora rischiamo di essere retrocessi.

Ieri su Twitter ha conosciuto un discreto successo il commento del profilo satirico Vujadin Boskov che ha inquadrato il doppio dato Istat alla maniera dell’indimenticato allenatore blucerchiato: «Ma se disoccupazione scende e Pil è fermo, nuovi assunti sta tutti in tribuna». È solo una battuta e non va certo presa alla lettera ma le rilevazioni statistiche di ieri, più che alla solita intemerata politica, si prestano a tentare di capire dove sta andando l’economia italiana, caratterizzata da un Pil in piena stagnazione e un’occupazione a livelli alti. Che cosa sta accadendo?

leggi l’articolo di Dario Di Vico su Corriere Economia

 

Luigi BobbaUn Paese, due facce. Perché ora rischiamo di essere retrocessi
Leggi...

La sfida di costruire un mondo di relazioni

Si tratta di riconoscere che ogni individuo esiste solo in rapporto alla comunità e la società nella quale vive; che ogni territorio e ogni paese si colloca nel quadro di ineliminabili vincoli internazionali e planetari; che nessuno si può salvare da solo

leggi l’articolo di Mauro Magatti sul Corriere della Sera

Luigi BobbaLa sfida di costruire un mondo di relazioni
Leggi...

La spesa per la pubblica istruzione

Nel 2017 la spesa italiana per la pubblica istruzione ammontava a 66 miliardi di euro, leggermente meno della spesa per il pagamento degli interessi sul debito pubblico. Valutando la spesa pubblica per istruzione sia rispetto al Pil, sia rispetto alla spesa pubblica totale, l’Italia si colloca agli ultimi posti delle classifiche europee e dalla crisi del 2007-08 in poi il divario con le medie UE si sta allargando. Il problema riguarda soprattutto l’istruzione terziaria. Tenendo conto della struttura demografica della popolazione, le spese per istruzione pubblica primaria e secondaria del nostro Paese sono poco sopra alle medie UE, mentre quella per istruzione terziaria è al penultimo posto in Europa. Nonostante il recente aumento di spesa privata, la situazione per l’istruzione universitaria è in peggioramento: la spesa complessiva è calata di oltre 600 milioni tra il 2010 e il 2015. L’Italia presenta anche un numero di laureati ben minore della media UE. (leggi il resto dell’articolo)

 

Luigi BobbaLa spesa per la pubblica istruzione
Leggi...

Enzo Bianchi: Il 29 luglio 2013 scompariva p. Paolo Dall’Oglio

Il 29 luglio 2013 scompariva p. Paolo Dall’Oglio un visionario, un testimone del dialogo con l’Islam, uno che era cristiano “a caro prezzo”, un amico che ho ascoltato e consigliato e che andai a trovare in Siria, al suo monastero, per dirgli la mia vicinanza. Su di lui, che silenzio!

 

Luigi BobbaEnzo Bianchi: Il 29 luglio 2013 scompariva p. Paolo Dall’Oglio
Leggi...